Otoplastica

Correzione dell’eccessiva protrusione delle orecchie
(“orecchie a sventola”).

INFORMAZIONI GENERALI

L’otoplastica è l’intervento che viene realizzato per correggere le orecchie prominenti, dette anche “a sventola”, al fine di riaccostarle in una posizione più corretta e di creare una piacevole morfologia del padiglione auricolare. L’intervento non ha nessuna ripercussione sull’udito. A seconda delle necessità, può essere opportuno intervenire su entrambe le orecchie oppure su una sola e la tecnica chirurgica può differire sui due lati. L’intervento è spesso effettuato anche in età pre-adolescenziale a partire dai 10-12 anni. Le cicatrici sono nascoste sulla faccia posteriore del padiglione auricolare, rivolte verso il cranio e risultano praticamente invisibili.

INTERVENTO

L’intervento può essere realizzato in anestesia locale semplicemente rendendo insensibile il padiglione auricolare con punture locali od eventualmente in anestesia locale con sedazione leggera cioè iniettando anche dei farmaci per via endovenosa al fine di tranquillizzare il paziente. Nei bambini più piccoli può essere necessario ricorrere all’anestesia generale. L’intervento consiste nell’asportazione di una piccola ellissi di cute dalla faccia posteriore del padiglione auricolare e nel successivo rimodellamento e riposizionamento delle cartilagini auricolari. Ciò può essere ottenuto indebolendo la cartilagine con strumenti particolari o con il bisturi o fissando la cartilagine nella nuova posizione con numerosi punti. L’intervento su entrambe le orecchie dura circa 1 ora. Al termine viene realizzata una medicazione modicamente compressiva grazie all’utilizzo di fasce elastiche.

POSTOPERATORIO

La medicazione compressiva viene lasciata in sede per alcuni giorni e successivamente si applica comunque un’ulteriore medicazione per circa una settimana. Nel decorso postoperatorio, è comune un certo dolore per i primi giorni che viene controllato con terapia analgesica. I punti generalmente non si rimuovono, in quanto si ricorre a suture che sono riassorbite dall’organismo.All’inizio le orecchie appaiono gonfie ed un po’ tumefatte con miglioramento nel giro di circa un mese; non si presentano problemi uditivi di alcun tipo. Il risultato è generalmente stabile nel tempo con buona soddisfazione dei pazienti operati e del chirurgo.

RIPRESA DELL’ATTIVITA’ FISICA

Si consiglia di evitare traumi ed attività sportiva intensa per un mese, mentre la corsa od altri sport meno violenti possono essere ripresi dopo due settimane.

Interventi

 

Richiedi una consulenza
Prenota la tua visita specialistica online


Contattaci